Etnogenesi normanne e identità variabili. Il retroterra culturale dei Normanni d’Italia fra Scandinavia e Normandia

Anno di pubblicazione: 2009

ISBN: 9788871581705

Prezzo: 24 Euro

Etnogenesi normanne e identità variabili. Il retroterra culturale dei Normanni d’Italia fra Scandinavia e Normandia

Autore: Rosa Canosa

L’intento del libro è di stabilire quale idea di sé e quali memorie del passato – se ve n’erano – i Normanni portassero con sé, nella seconda metà dell’XI secolo, al momento del loro stanziamento in Italia meridionale. L’autrice utilizza per questo fonti letterarie, storiche e cronachistiche. Vengono a tal fine utilizzati gli strumenti approntati nell’affrontare lo studio delle popolazioni altomedievali dalla cosiddetta “scuola di Vienna”, che da una ventina d’anni ha criticato decisamente l’idea che «nell’incontro con il mondo romano fossero riconoscibili popoli con identità nette», come nel caso di Germani o Slavi. La ricerca rappresenta quindi il tentativo riuscito di applicare categorie e metodi utilizzati finora per il periodo della tarda antichità e per l’alto medioevo a un argomento più tardo, articolato e variegato come l’etnogenesi dei popoli del Nord. Le fonti prese in esame riguardano i Normanni d’Italia, i Normanni di Rollone stanziatisi in Normandia e Guglielmo il Conquistatore e i suoi uomini in Inghilterra. L’autrice mette così in evidenza la pluralità delle etnogenesi normanne e la variabilità delle identità assunte da questi uomini in base al luogo d’insediamento. Basandosi principalmente sulle testimonianze italiane, ha cercato tracce del ricordo sia della provenienza dal nord della Francia, sia di eventuali e più nascoste memorie nordiche che però non riportano ad alcun ‘mito d’origine’ che sia fondante e che riguardi la penisola scandinava.

189 pp.

_______________________

Rosa Canosa, dottore di ricerca in studi storici, fa parte del Centro di Ricerca sulle Istituzioni e le Società Medievali. Attualmente partecipa al progetto di ricerca su “Mobilità e radicamenti di nobili, mercanti e intellettuali fra Mediterraneo ed Europa centrale” presso il Dipartimento di Storia dell’Università di Torino.