Arte

Federica Ruspio si è laureata con una tesi sulla comunità marrana a Venezia a fine Cinquecento. Successivamente ha esteso la ricerca al Seicento, con attenzione ai rapporti tra Serenissima e Penisola iberica. Nel 2004 ha studiato in Spagna come European Fellow. Nel 2006 ha conseguito i titoli di dottore di ricerca in Storia sociale europea, di Doctor Europaeus e lo European Doctorate title con una tesi sulle pratiche di interazione e integrazione dei mercanti di origine portoghese a Venezia. Attualmente partecipa a un progetto di ricerca sulla demografia ebraica in Italia.

    La nazione portoghese. Ebrei ponentini e nuovi cristiani a Venezia

    Autore: Federica Ruspio

    Dalla fine del Cinquecento, Venezia ospita l’insediamento degli ebrei “ponentini”, ovvero di quegli ebrei che erano stati cacciati dalla Spagna e dal Portogallo dopo il 1492. A questa comunità si affianca una presenza, esigua ma significativa, di mercanti di origine portoghese che, pur essendo per la maggior parte nuovi cristiani, venivano percepiti come marrani, ovvero ebrei che continuavano la professare la loro fede nonostante la conversione al cristianesimo.